la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


Le edizioni recenti: 2012-2014

La 69. Mostra nel 2012 vede il ritorno alla direzione di Alberto Barbera e si caratterizza per alcune importanti novità: l’avvio del progetto Biennale College - Cinema, laboratorio di alta formazione aperto ai giovani filmmaker di tutto il mondo per la produzione di film a basso costo, e la creazione del Venice Film Market, concentrato nei primi giorni e allestito in appositi spazi all’Hotel Excelsior. Nell’ambito della riqualificazione – svolta d’intesa col Comune di Venezia – delle strutture della Mostra che ha visto nel 2011 il restauro della Sala Grande, viene realizzato un nuovo, più ampio e funzionale foyer del Palazzo del Cinema per l’accoglienza del pubblico. L’intervento prevede anche il rinnovo delle due salette storiche Pasinetti e Zorzi, con un ampliamento complessivo di 50 posti.
In occasione dell’80mo anniversario della Mostra (1932-2012), la retrospettiva viene intitolata «80!» e presenta copie uniche di film considerati perduti, provenienti dalle collezioni dell’ASAC. A completamento della retrospettiva «80!», viene presentata una selezione di film classici restaurati, denominata Venezia Classici. The Reluctant Fundamentalist, diretto dalla regista indiana Mira Nair, è il film di apertura della 69. Mostra. Il Leone d’oro alla carriera della Biennale è attribuito al regista e sceneggiatore italiano Francesco Rosi, premiato sul palco da Giuseppe Tornatore. Per l’occasione viene proiettata la copia restaurata del suo capolavoro Il caso Mattei (1972). La Giuria del Concorso Venezia 69, presieduta da Michael Mann, assegna il Leone d’oro al film Pieta di Kim Ki-duk e il Leone d’Argento e la coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile rispettivamente a The Master di Paul Thomas Anderson e ai suoi due protagonisti Philip Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix. Tra le altre stelle e maestri presenti al Lido, Robert Redford (per la prima volta al Lido), Michael Cimino (Premio Persol), Spike Lee (Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Film-maker), Brian De Palma, Jonathan Demme, Kate Hudson, Liev Schreiber, Winona Ryder, Michael Shannon, Ray Liotta, Pierce Brosnan, Michael Fassbender, Isabelle Huppert, Claudia Cardinale, Noomi Rapace, Kristin Scott Thomas, Olga Kurylenko, Emmanuelle Seigner, Takeshi Kitano, Peter Brook, Liliana Cavani, Marco Bellocchio, Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Barbora Bobulova e giovani teen-idols come Selena Gomez, Vanessa Hudgens, Zac Efron, James Franco, Shia LaBeouf.

Per celebrare la sua 70a edizione, la Mostra del 2013, diretta da Alberto Barbera, dà vita al progetto speciale Venezia 70 – Future Reloaded. 70 registi di tutto il mondo realizzano un cortometraggio di durata compresa fra 60 e 90 secondi, in totale libertà creativa. Tutti i cortometraggi sono proiettati al pubblico per la prima volta al Lido durante la 70. Mostra, e in seguito pubblicati sul sito web della Biennale www.labiennale.org in una nuova e specifica pagina dedicata alla storia della Mostra, con l’aggiunta di fotografie rare e documenti unici conservati dall’Archivio Storico della Biennale (Asac), nonché da 40 “pillole” tratte dai filmati d’epoca conservati dall’Archivio Storico Istituto Luce Cinecittà (e proiettati alla Mostra prima dei film delle Selezione ufficiale). Durante l’edizione 2013 sono presentati con successo i 3 lungometraggi di Biennale College – Cinema, laboratorio di alta formazione aperto ai giovani filmmaker di tutto il mondo per la produzione di film a basso costo, lanciato alla Mostra 2012. Vengono inoltre annunciati i 12 progetti della 2a edizione di Biennale College – Cinema 2013/14. Successo anche per la 2a edizione del Venice Film Market, allestito in appositi spazi all’Hotel Excelsior, che vede la partecipazione di 246 distributori di primaria importanza. Nell’ambito della riqualificazione delle strutture storiche della Mostra – svolta d’intesa col Comune di Venezia – al Palazzo del Casinò viene realizzata una nuova sala da 150 posti (Sala Casinò) ed è ampliata e migliorata tecnologicamente la Sala stampa.
Gravity, diretto da Alfonso Cuarón e interpretato da Sandra Bullock e George Clooney, è il film d’apertura in 3D. Il Leone d’oro alla carriera è attribuito al regista statunitense William Friedkin. La Giuria del Concorso Venezia 70, presieduta da Bernardo Bertolucci, assegna il Leone d’oro al film Sacro GRA del regista italiano Gianfranco Rosi. Il Leone d’argento per la miglior regia è assegnato a Alexandros Avranas per Miss Violence (Grecia), il Gran Premio della Giuria a Jiaoyou di Tsai Ming-liang (Taipei cinese). La Coppa Volpi maschile è attribuita a Themis Panou per Miss Violence (Grecia), quella femminile a Elena Cottaper Via Castellana Bandiera di Emma Dante. Il maestro del cinema italiano Ettore Scola riceve il Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Film-maker. Per l’occasione viene proiettato il suo film, Che strano chiamarsi Federico, omaggio a Federico Fellini a 20 anni dalla scomparsa, alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Tra gli altri maestri e stelle presenti al Lido, Andrzej Wajda (Premio Persol, consegnato alla presenza di Lech Walesa), Paul Schrader, Bret Easton Ellis, Mia Wasikowska, Nicolas Cage, Tye Sheridan, Jesse Eisenberg, Dakota Fanning, Judi Dench, Steve Coogan, James Franco, Scott Haze, Tom Welling, Daniel Radcliffe, Tom Hardy, Scarlett Johansson, Errol Morris, Terry Gilliam, Stephen Frears, Amos Gitai, Kim Ki-duk, Patrice Leconte, Pablo Larraín, Sion Sono, Edgar Reitz, Tsai Ming-liang, Wang Bing, Philippe Garrel, Anna Mouglalis, Louis Garrel, Rebecca Hall, Alan Rickman, Richard Madden, Carrie Fisher, Martina Gedeck, Virginie Ledoyen, Catalina Sandino Moreno, Jiang Wen, Ken Watanabe, Ryuichi Sakamoto, Gianni Amelio, Alba Rohrwacher, Antonio Albanese, Giuseppe Battiston, Anita Caprioli, Marco Paolini, Carlo Verdone.

Nel 2014, grazie a un accordo con il Comune di Venezia, la Sala Darsena è completamente rinnovata e ampliata da 1300 a 1409 posti. L’inaugurazione avviene il 26 agosto, in occasione alla pre-apertura della 71. Mostra dedicata al centenario della Prima Guerra Mondiale, con la proiezione di Maciste alpino (1916), di Luigi Maggi e Luigi Romano Borgnetto (supervisione alla regia di Giovanni Pastrone) in nuova copia restaurata. Birdman o Le imprevedibili virtù dell’ignoranza diretto da Alejandro González Iñárritu, con Michael Keaton, è il film di apertura della 71. Mostra, proiettato alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. I Leoni d’oro alla carriera sono attribuiti alla montatrice statunitense Thelma Schoonmaker e al cineasta statunitense Frederick Wiseman. La Giuria del Concorso Venezia 71, presieduta da Alexandre Desplat, assegna il Leone d’oro al film En duva satt på en gren och funderade på tillvaron (A Pigeon Sat On A Branch Reflecting On Existence) di Roy Andersson. L’attore, regista, sceneggiatore e produttore James Franco riceve il Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award 2014. Nell’occasione è proiettato, Fuori Concorso, The Sound and the Fury, il nuovo film scritto, diretto e interpretato da James Franco. All’attrice statunitense Frances McDormand è assegnato il Persol Tribute to Visionary Talent Award 2014. Nell’occasione è proiettato, Fuori Concorso, Olive Kitteridge interpretato da Frances McDormand e diretto da Lisa Cholodenko.
Tra gli altri maestri e stelle presenti al Lido, Al Pacino, Catherine Deneuve, Michel Piccoli, Charlotte Gainsbourg, Chiara Mastroianni , Edward Norton, Emma Stone, Andrew Garfield, Ethan Hawke, Viggo Mortensen, Michael Shannon, Abel Ferrara, Willem Dafoe, Owen Wilson, Andrea Riseborough , Stellan Skarsgård, Tahar Rahim, Maria De Medeiros, Anna Mouglalis, Elio Germano, Riccardo Scamarcio, Luca Zingaretti, Milla Jovovich, Ryô Kase, Anton Yelchin, Ashley Greene, Alexandra Daddario, Shinya Tsukamoto, Wang Xiaoshuai, Amos Gitai, Peter Bogdanovich, Peter Ho-Sun Chan, Ann Hui, Im Kwontaek, Barry Levinson, Hong Sangsoo, Fatih Akin, David Gordon Green, Andrew Niccol, Benoît Jacquot, Xavier Beauvois, Ulrich Seidl, Aléx de la Iglesia, Ami Canaan Mann, Michael Almereyda. Sono presentati con successo i 3 lungometraggi di Biennale College – Cinema: H. di Rania Attieh e Daniel Garcia, Blood Cells di Luke Seomore e Joseph Bull, e Short Skin di Duccio Chiarini. Biennale College – Cinema è un laboratorio di alta formazione aperto ai giovani filmmaker di tutto il mondo per la produzione di film a basso costo, lanciato alla Mostra 2012. Vengono inoltre annunciati i 12 progetti della 3a edizione di Biennale College – Cinema 2014/15. Successo anche per la 3a edizione del Venice Film Market, allestito in appositi spazi all’Hotel Excelsior.






 



70 Registi per Venezia 70