Chiudi

la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica

Biennale Musica: concluso il 57. Festival

< Indietro
Altra voce Altro spazio, 4-13 ottobre 2013
13 | 10 | 2013

il Festival continua sul web con il Quarto Palcoscenico

Si è concluso domenica 13 ottobre 2013 il 57. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia.
 
“Primo dato rilevante di quest’anno – afferma il Presidente Paolo Baratta – è il successo della Sala delle Colonne a Ca’ Giustinian, che è stata trasformata con recenti interventi che ne hanno migliorato grandemente l’acustica e il grado di equalizzazione. Si può dire che Venezia ha un’altra sala per la musica.
Un altro grande fenomeno da rilevare è l’incremento dei giovani e degli studenti in particolare, sia condotti dal progetto educational della Biennale, sia venuti per iniziativa organizzata dei docenti delle scuole e in parte spontaneamente.
La Biennale richiama l’attenzione di tutti sulla qualità, la dedizione e l’impegno dei numerosi insegnanti delle scuole a tutti i livelli, in particolare di Venezia e del Veneto, che rispondono alle iniziative della Biennale. Si va così formando un nuovo pubblico.
Al Maestro Fedele i nostri ringraziamenti per l’eccellente programma svolto con un Festival denso e ricco soprattutto di opere di giovani artisti”.
 
Il Festival ha registrato 5.249 presenze, con un incremento del 9% rispetto allo scorso anno. Il novero delle presenze totale non tiene conto dell’affluenza alle iniziative collaterali del Conservatorio B. Marcello e del Teatro La Fenice.
Rilevante inoltre l’aumento di circa il 30% degli studenti. provenienti da 29 Istituti di formazione. Si tratta di scuole primarie e secondarie superiori - licei musicali e classici, istituti d’arte e professionali – che hanno aderito al programma educational della Biennale “Attraverso le discipline: Arte+Musica”. Le scuole provengono dal Triveneto (provincia di Venezia, Treviso, Padova, Belluno, Vicenza, Udine), Modena, Roma e Bruxelles.
 
Il Festival continuerà sul web con Quarto Palcoscenico. Sul sito della Biennale, nei prossimi giorni si potranno vedere e riascoltare in versione integrale molti dei più bei concerti del Festival: quello inaugurale dedicato a Sofija Gubajdulina con l’Orchestra del Teatro La Fenice e Les Percussions de Strasbourg dirette da John Axelrod, il concerto dedicato a Berio nel decennale della sua scomparsa con l’Orchestra e il Coro di voci bianche del Teatro Comunale di Bologna diretti da Roberto Abbado, lo spettacolo delle Percussions de Strasbourg, le due opere di teatro musicale di Vittorio Montalti e Raffaele Grimaldi con la messinscena di Giancarlo Cauteruccio, la suggestiva performance Homoiomèreia di Pietro Luca Congedo e la sperimentazione del suono in 3D in 21st Century “cori spezzati”, il teatro elettronico di Visioni a firma di Eric Maestri e Daniele Ghisi, il concerto dell’Orchestra di Padova e del Veneto, l’esibizione virtuosistica di Francesco D’Orazio con il suo violino, il vocalismo creativo di David Moss in More Voices in Venice.
 
E ancora: su Quarto Palcoscenico, la scena virtuale dei settori dello spettacolo dal vivo della Biennale, sarà possibile vedere per la prima volta o rivedere alcuni dei momenti salienti del Festival e i suoi protagonisti con interviste, sintesi degli incontri con il pubblico, come quello con il Leone d’oro alla carriera Sofjia Gubajdulina e la sua premiazione, e soprattutto il “dietro le quinte” e la performance di Helicopter String Quartet che ha dato il via al 57. Festival Internazionale di Musica Contemporanea nei cieli del Lido di Venezia